A. G. E. A.Associazione Giovani Esploratori
ed Esploratrici Apuani

ASSOCIAZIONE SCOUT SENZA FINI DI LUCRO ADERENTE ALLA FEDERSCOUT—membro WFIS

Indice

Sono passati più di cento anni da quando Baden Powell rientrò in patria dopo le sue campagne d’Africa. La vittoriosa difesa della cittadina di Mafeking assediata dai Boeri per oltre 5 mesi avevano fatto di Baden Powell un eroe nazionale e ovunque si recava trovava accoglienze entusiastiche. Con la nomina a tenente generale a soli 50 anni si rese conto che la sua esperienza nell’esercito era praticamente conclusa e si interrogò su cosa potesse fare per rendersi utile al suo paese. Il futuro dipende dai giovani, pensò, e guardandosi intorno vide i segni di una profonda crisi nella gioventù britannica. Alcoolismo,  gioco d’azzardo, il formarsi di bande di giovani sul filo della legalità, l’assenza di valori e di ideali convivevano con la disponibilità a giocare e a mettersi in gioco. Scoprì che molti ragazzi avevano letto i suoi manuali per l’esplorazione militare e li utilizzavano per fare gli “esploratori”.  Osservando i ragazzi nacque in lui l’idea di  proporre loro qualcosa di nuovo e di importante. La sua esperienza giovanile, la sua vita in India e in Africa e più ancora l’esperienza del assedio di Mafeking ove un gruppo di ragazzi aveva svolto funzioni ausiliarie lo spinsero a elaborare uno “Scoutismo” per i ragazzi.

Dal 30 Luglio al 10 Agosto 1907 la prova del fuoco: 21 ragazzi suddivisi in 4 pattuglie lo seguirono sull’isola di Brownsea per il primo campo  scout della storia. Partendo da questa positiva ed entusiasmante esperienza nei primi mesi del 1908 pubblicò il suo libro “Scouting for boys” e lo propose ai giovani inglesi. Il successo fu travolgente e in pochi anni lo Scoutismo si diffuse in tutto il mondo unendo e affratellando ragazzi di lingua, razza e religione diversa. Nasce così quello che oggi è il più grande movimento giovanile del mondo.

 Sono passati cento anni, ma guardandoci intorno ci sembra che la condizione dei nostri ragazzi non sia cambiata di molto. Oltre al fumo e all’alcool nel mondo giovanile è penetrata profondamente la droga e il successo personale è diventato un valore assoluto. In questo contesto sociale ed economico lo Scoutismo, con le sue proposte e i suoi ideali conserva tutta la sua validità e attualità, ma è al tempo stesso sempre più elitario e controcorrente.   Il suo carattere di volontarietà e di spirito di servizio gratuito e disinteressato ne fanno un riferimento importante in un mondo del volontariato  sempre più istituzionalizzato e legato a logiche economiche.  Malgrado questo lo scoutismo va avanti, cresce, produce risultati positivi nel suo impegno di formare dei buoni cittadini e di “lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato”. E secondo noi non è cosa di poco conto.

Casella di testo: Dallo Statuto dell’A.G.E.A.
….Persegue gli stessi scopi del movimento scout ed in particolare:
a) l'educazione fisica, morale, civica e spirituale dei giovani con particolare riguardo allo sviluppo dello spirito di iniziativa e risorsa, dell'autodisciplina, del sentimento dell'onore e della dignità personale nonché del senso della responsabilità e della solidarietà umana;
b) la sensibilizzazione degli adulti agli ideali dello scautismo, affinché collaborino, impegnandosi attivamente, allo sviluppo del movimento scout.
La Associazione ha inoltre lo scopo di promuovere la cultura del servizio, del volontariato e l’adesione alle attività di promozione sociale.
Per il conseguimento degli scopi la Associazione applica il metodo educativo scout come delineato dal fondatore Robert Baden-Powell nelle sue opere fondamentali e nei suoi scritti, adattato alla realtà nazionale e locale….
La dimensione spirituale caratterizza ogni momento dell'attività educativa ed è curata dagli educatori nel rispetto del principio di laicità, proponendosi di formare un individuo educato
all'approfondimento delle proprie convinzioni, alla disponibilità e al confronto.
La Associazione stabilisce rapporti di fraternità con altre associazioni scout italiane ed estere e rapporti di collaborazione con altri enti e/o associazioni che hanno come fine l’educazione della gioventù e la salvaguardia dell’ambiente.
Le attività della Sezione e le sue finalità sono ispirate a principi di laicità, di pari opportunità e sono
rispettose dei diritti inviolabili della persona…….
Casella di testo: Possono iscriversi e partecipare alle attività dell’A.G.E.A. :

Bambini e bambine dai 5 ai 7 anni nei Castorini
Bambine e Bambini dai 7 agli 11 anni nel Branco dei Lupetti
Ragazze e Ragazzi dagli 11 ai 16 anni nel Reparto degli Esploratori 
Ragazze e Ragazzi dai 16 ai 19 anni nella Compagnia dei Rover
Adulti interessati a svolgere attività di volontariato scout  e a sostenere ed aiutare nella realizzazione di attività scout.
Adulti interessati alla Protezione Civile 
e alla salvaguardia dell’Ambiente
Per Informazioni :
AGEA—Gruppo di Massa
Piazzale v. Don Minzoni 4/p
54100—Massa—MS
E-mail ageamassa@interfree.it 
Tel. 347 7609658